Rinnovato il Pilastrino tra Via Nuova e Via Canale


Questo slideshow richiede JavaScript.

Grazie a Don Massimo Vacchetti e, ad alcuni generosi parrocchiani, di recente a Castel Guelfo si è dato lustro ad un altro pezzetto di storia della comunità. “Tutto è nato da una segnalazione che mi è stata avanzata relativa alla situazione di trascuratezza in cui versa il pilastrino della Madonna all’angolo tra Via Canale, Via Nuova, Via Mazzanti – così racconta Don Massimo – e, prestandovi attenzione come mai mi era capitato, ho scoperto una cosa che mi ha stupito. La lapide di marmo narra un’antica storia del nostro paese. Una storia che parla di peste, di paura del contagio, di una protezione ottenuta, di una devozione e infine di un atto sacrilego in cui un’ immagine della Madonna era stata bruciata su un olmo proprio in quel punto. La scritta ormai consunta, tuttavia, mette ancora in rilievo il nome della Madonna a cui è dedicato quel piccolo monumento di pietà e di preghiera. Il popolo guelfese allora, si era affidato alla “Gran Madre della Misericordia”. Sono trasalito. Siamo nel pieno del Giubileo della Misericordia. Non possiamo lasciare passare invano questi mesi senza compiere un atto di devozione come hanno fatto allora i nostri padri. Inoltre, a partire da questi giorni, moltissime sono le persone che a piedi, di corsa, in bicicletta passano dinanzi a quell’immagine. Penso che ancora oggi, seppure velocemente, non fosse altro che per il traffico, rivolgono alla Madonna uno sguardo, una preghiera, un fiore. Essendo Maggio poi il mese dedicato alla Madonna, mi è sembrato a maggior ragione questo il momento giusto per intervenire”. I lavori così, che si sono svolti a fine aprile hanno visto il loro compimento da qualche settimana. Senza alterare la struttura architettonica una restauratrice ha ripulito il pilastrino, ripassato i colori ed è stata apposta una nuova immagine in ceramica della Madre della Misericordia sullo stile del logo del Giubileo.

Elisabetta Carbonari

Annunci

2 risposte a “Rinnovato il Pilastrino tra Via Nuova e Via Canale

  1. Bellissimo ricordo di Ottavio. Tante persone hanno avuto a cuore questo semplice luogo di preghiera e Ottavio era una di queste. Ogni anno con la processione ci si fermava dinanzi al Pilastrino. Ad Ottobre, inizieremo il mese del Rosario con una processione che parte da lì, con l’immagine originaria restaurata pure anch’essa. E’ uno dei tanti luoghi della fede cristiana del nostro popolo diffusi sul territorio e tanti (ahimè) lasciati per lo più alla rovina. La novità che ha spinto al pieno recupero del Pilastrino è la scritta che si legge (e non si leggeva perchè il sole aveva corroso il marmo e rischiarato il colore) e che chiama quell’immagine Madre della Misericordia. Nell’anno giubilare, non potevamo non rendere onore alla Vergine e a quanti, come Ottavio, le hanno voluto bene.

  2. Voglio cogliere l’occasione, in questo ambito, di ricordare, Ottavio, e di rendergli merito , perché sì è sempre preso cura di quest’ immagine sacra, per tanti anni, in silenzio. Solo dopo alcuni anni dalla sua scomparsa, ci si è ricordati della sua Madonnina del pilastrino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...